mareaviva cta pesca - pesce crudo fa bene

Il pesce crudo FA BENE

Il consumo di pesce crudo è diffuso sotto forma di carpacci di tonno, pesce spada, ricciola, dentice, orata, ma anche di capesante, seppie, aragosta, astice, gamberi e scampi.
Diffusissime sono le tartare, leggermente più sofisticate, ma altrettanto appetitose, che prevedono l’utilizzo delle stesse specie ittiche nominate tra i carpacci.

Rispetto al consumo di pesce cotto, il crudo mantiene inalterato tutto il preziosissimo Omega-3e conserva meglio le sue qualità nutritive.
Gli acidi grassi, i cosiddetti Omega-3, sono estremamente termolabili, quindi eliminare il trattamento termico permette di assorbire una maggior quantità di acidi grassi essenziali, in questo modo proteggiamo il nostro cuore i cervello.
Mangiare pesce crudo significa mangiare bene senza appesantirsi, è un alimento ricco di proteine e vitamine. Il consumo di pesce crudo permette infatti il mantenimento dell’integrità delle vitamine termolabili come la tiamina (vitamina B1), la riboflavina (vitamina B2), l’acido pantotenico (vitamina B5) ed il tocoferolo (vitamina E).
Durante la cottura gran parte dei minerali di cui è ricco il pesce vengonoo in gran parte perse: il consumo crudo consente l’assunzione di calcio, che rinforza le ossa prevenendo l’osteoporosi, di ferro che toglie la stanchezza ed inoltre è ricco di fosforo, iodio, sodio e fluoro.

Mangiare pesce crudo in sicurezza è possibile adottando alcuni piccoli, ma indispensabili accorgimenti: il pesce da consumare crudo deve essere il più fresco possibile e per essere consumato in totale tranquillità, deve venire abbattuto, cioè messo per almeno 24 ore in un congelatore che raggiunga i – 20°C al cuore del prodotto.

Questa procedura uccide il parassita Anisakis, mantienendone intatto il sapore e la consistenza della carne.

La sala di degustazione MarèaViva by CTA Pesca è sinonimo di altissima qualità e soprattutto sicurezza alimentare, provate per credere 🙂

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *